Victam
  • Igc, prezzo dei cereali in calo sul mercato internazionale

    Print
    Grano agricoltura %c2%a9 mozzz   fotolia.com

    In calo il prezzo dei cereali a causa degli ingenti quantitativi presenti sul mercato e della concorrenza tra i produttori di mangimi. È quanto emerge dal “Grain Market Report”, l'analisi del mercato globale dei cereali elaborata dall'International Grains Council (Igc), che dichiara: “I prezzi d'esportazione dei prodotti principali sono diminuiti nel mese di febbraio. Con un declino sostanzialmente simile in Stati Uniti, Sud America e paesi del Mar Nero, il listino del granturco è sceso del 6%, il livello più basso registrato in più di quattro mesi".

    “L'offerta di granturco proveniente dalle zone dell'Up River, in Argentina, ha determinato una minore pressione sui prezzi stagionali – prosegue l'Igc -. I prezzi di esportazione sono stati inferiori di circa il 6%, attestandosi a 170 dollari negli Stati Uniti. A causa di disponibilità abbastanza grandi e della domanda stagnante di esportazioni, i prezzi del Mar Nero sono scesi di circa il 7%, fermandosi a 168 dollari".

    Anche il prezzo dell'orzo è sceso: “Il listino dell'orzo si è abbassato del 5% durante il mese di febbraio. La pressione di ingenti forniture globali di cereali ha più che compensato la stabilità della domanda internazionale di orzo da foraggio. Ha anche pesato l'attesa di un raccolto favorevole per il 2015. Probabilmente i principali acquirenti di Asia orientale e Nord Africa ne importeranno una quantità inferiore nel prossimo anno”.

    “I cali di prezzo sono stati particolarmente rilevanti in Europa, soprattutto in Francia, a causa della concorrenza dei mangimi prodotti con il grano e della previsione di una buona produzione nel 2015 – prosegue l'International Grains Council -. Negli Stati Uniti il valore delle esportazioni di orzo per mangimi è diminuite di 15 dollari rispetto al mese precedente, attestandosi a 201 dollari. Nei paesi del Mar Nero, invece, le quotazioni sono scese di 9 dollari, fermandosi a 205 $, mentre in Australia i prezzi sono diminuiti di 7 dollari, attestandosi a 242 $”.

    L'Igc conclude descrivendo il mercato del malto d'orzo. “I valori del malto d'orzo sono diminuiti di 6 dollari negli Usa, attestandosi a 279 dollari. La ridotta produzione di birra cinese ha contribuito a indebolire l'interesse all'acquisto anche da parte di paesi terzi”.

    Foto: © mozZz - Fotolia.com

     

    23-05-2015 Tag: orzocerealigranogranturcomalto d'orzo
Articoli correlati
  • Materie prime, nel 2018 bilancia commerciale negativa per oltre 2miliardi di euro

    Aumento  delle importazioni e frenata delle esportazioni di cereali, semi oleosi e farine proteiche. I dati del settore cerealicolo elaborati da Anacer, Associazione nazionale cerealisti, e relativi al 2018 evidenziano, ancora una volta, la cronica carenza...

    15-03-2019
  • Materie prime alimentari, prezzi in crescita a febbraio

    A febbraio i prezzi delle commodities alimentari sono aumentati dell’1,7% rispetto al mese precedente, grazie soprattutto all’incremento dei prodotti lattiero-caseari. Lo sottolinea l’Organizzazione per l'alimentazione e l'agricoltura delle...

    12-03-2019
  • Usa, previsto aumento produzione di mais e grano

    A causa delle tensioni commerciali tra Usa e Cina, nella stagione 2019/20 parte delle piantagioni statunitensi di soia potrebbero lasciare il posto a mais e grano. Lo sostiene il rapporto: “Grains and oilseeds outlook” pubblicato dal Dipartimento...

    02-03-2019
  • Le previsioni del tempo e la qualità del mais: il caso americano

    Grazie all’impiego di nuovo algoritmo, potrebbe essere possibile prevedere la resa e la qualità dei raccolti di mais. È quanto emerge da uno studio pubblicato sulla rivista Agronomy dai ricercatori dell'Università dell'Illinois di...

    12-02-2019
  • Commodities alimentari, a gennaio quotazioni in rialzo

    Il 2019 si è aperto in modo positivo per i mercati delle materie prime alimentari: a gennaio quasi tutti i listini hanno registrato un aumento. Lo comunica l’Organizzazione per l'alimentazione e l'agricoltura delle Nazioni Unite (Fao), precisando...

    09-02-2019