• Produzione mondiale di grano, previsto leggero calo nel 2016

    Print

    Ma in Cina e Pakistan sono attesi raccolti record

    Cereali mangimi %c2%a9 frank seifert   fotolia

    Nel 2016 la produzione mondiale di grano dovrebbe registrare un calo dell'1,4%, rispetto ai livelli record raggiunti lo scorso anno. La causa? La riduzione delle semine invernali in Russia e in Ucraina dovuta alla siccità. È quanto emerge dal “Bollettino sull'offerta e sulla domanda di cereali” pubblicato dalla Fao (Organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura), secondo cui quest'anno il raccolto di grano dovrebbe attestarsi sui 723 milioni di tonnellate, circa 10 milioni di tonnellate in meno rispetto al 2015. La Fao stima che Cina e Pakistan andranno in controtendenza: nei due paesi quest'anno è attesa un produzione record.

    L'Organizzazione ha ridimensionato le stime sulla produzione totale di cereali effettuate lo scorso anno, portandole a 2.525 milioni di tonnellate. Questo dato riflette le previsioni aggiornate della produzione di grano in India e i dati rivisti della produzione nella Repubblica islamica dell'Iran.

    A causa degli sviluppi in Asia, la Fao ha rivisto al ribasso anche le stime per la produzione mondiale di cereali e riso. Complessivamente si ritiene che la produzione mondiale di cereali nel 2015 sia stata di circa l'1,4% inferiore al livello record raggiunto nel 2014.

    Secondo la Fao, le scorte globali di cereali dovrebbero raggiungere i 636 milioni di tonnellate per la fine delle stagioni produttive del 2016. Si tratta di una quantità quasi invariata rispetto ai livelli di apertura già alti, ma in calo di 6,2 milioni di tonnellate rispetto alle previsioni del mese precedente. Questo dato deriva dalle minori previsioni sulle scorte di grano presenti nella Repubblica islamica dell'Iran e nell'Uzbekistan, derivanti da rettifiche riguardanti le quantità storiche delle scorte in entrambi i paesi.

    Lo stock-to-use ratio (il rapporto tra gli stock finali e gli impieghi interni), un indicatore della sicurezza alimentare mondiale, è rimasto a un livello relativamente alto, pari al 24,7%. Infine, l'Organizzazione prevede che, in termini di volume, gli scambi mondiali di cereali dovrebbero diminuire del 2% nella stagione 2015/16, rispetto a quella precedente. La stima riflette la contrazione della domanda di grano e orzo, che dovrebbe compensare l'aumento della domanda di riso.

    Foto: © Frank Seifert - Fotolia

    red. 14-03-2016 Tag: cerealigranoorzomaisfaorisosicurezza alimentare
Articoli correlati
  • Fao, lotta agli sprechi alimentari per migliorare l'accesso al cibo sano

    Ridurre gli sprechi alimentari potrebbe migliorare l'accesso al cibo nutriente e sano. Lo sostiene il rapporto “Preventing nutrient loss and waste across the food system: Policy actions for high-quality diets”, preparato dal Global Panel on...

    15-11-2018
  • Fao, appello ai parlamentari: “Date priorità a sicurezza alimentare e nutrizione”

    Sicurezza alimentare e nutrizione devono essere al centro dell'agenda politica e legislativa. Lo ha dichiarato José Graziano da Silva, Direttore Generale dell'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura (Fao), ai 200...

    13-11-2018
  • Mais, un settore fra criticità e opportunità

    Il mais è una materia prima strategica per l'intera filiera agroalimentare ed essenziale per l’alimentazione zootecnica. In Italia, nell'arco di un decennio, il settore ha conosciuto un'evoluzione preoccupante: si è passati...

    11-11-2018
  • Materie prime alimentari, prezzi in calo a ottobre

    A ottobre i prezzi internazionali delle materie prime alimentari hanno registrato una flessione. Il calo dei listini dei prodotti lattiero-caseari, delle carni e degli oli vegetali ha, infatti, più che compensato l'incremento delle quotazioni dello...

    11-11-2018
  • Mais, nuova varietà ottiene azoto da batteri “buoni”

    Una nuova varietà di mais sarebbe in grado di ricevere i nutrienti di cui ha bisogno dai batteri “buoni”, per cui non avrebbe la necessità di fertilizzanti. Lo rivela uno studio pubblicato sulla rivista PLOS Biology dai ricercatori...

    06-11-2018