Victam
  • Soia, previsto raccolto record in Sud America

    Print

    Le quotazioni del legume restano però elevate

    Soia

    Quest'anno il raccolto sudamericano della soia dovrebbe raggiungere valori record grazie alle condizioni climatiche favorevoli. È quanto emerge dal rapporto “Grain Market Report” pubblicato dall'International Grains Council (Igc), secondo cui nonostante l'attesa di una produzione ingente, le quotazioni della soia continuano a essere complessivamente elevate.

    L'Igc sottolinea che il mercato dei semi oleosi è stato condizionato dalle positive condizioni di crescita della soia in Sud America, soprattutto in Argentina. Nonostante le forti piogge che hanno interessato la regione negli scorsi mesi, il miglioramento del clima dovrebbe consentire un aumento della produzione. Di conseguenza, le esportazioni della soia prodotta negli Usa hanno subito un calo dei prezzi, attestandosi a 398 dollari (quotazione Fob - free on board). Anche la soia prodotta in Brasile ha registrato un calo delle quotazioni del 4%, e viene venduta a 397 dollari (quotazione Fob). I prezzi del legume prodotto in Argentina, invece, hanno registrato un rialzo del 3%, per cui la soia argentina in questo momento viene scambiata a 392 dollari (quotazione Fob).

    Nel rapporto “Agri Commodities Monthly March 2017”, Rabobank sostiene che i prezzi della soia continueranno a essere sostenuti, nonostante la previsione del raccolto record nel Sud America. Secondo l'agenzia, la produzione di soia argentina e brasiliana dovrebbe superare i 164 milioni di tonnellate nel 2017. Nello specifico, il raccolto dovrebbe raggiungere i 108 milioni di tonnellate in Brasile, consentendo alle esportazioni di superare i 61 milioni di tonnellate durante la campagna di commercializzazione 2016-17, con un incremento di almeno il 12% rispetto all'anno precedente. La produzione di soia in Argentina dovrebbe raggiungere i 56 milioni di tonnellate, grazie al miglioramento delle condizioni climatiche.

    Secondo Rabobank, il mercato dell'olio di palma andrà invece incontro ad alcune difficoltà. L'aumento della produzione e la riduzione della domanda, infatti, dovrebbero determinare una riduzione delle quotazioni. Stabili, invece, i listini dei semi di colza.

    red. 04-05-2017 Tag: soiaIgcsemi oleosimercatoesportazionisud america
Articoli correlati
  • Brexit senza accordo: i costi per l'agroalimentare italiano

    In caso di “no deal”, la vendita di prodotti agroalimentari made in Italy nel Regno Unito non dovrebbe diminuire nell’immediato. Tuttavia, su questa possibilità pesa l’autonomia decisionale della Gran Bretagna in materia di dazi e...

    08-05-2019
  • Dazi Usa su merci Ue? A rischio 2,2 miliardi di Made in Italy agroalimentare

    Pecorino Romano, olio, vino e pasta. Con i dazi minacciati dal presidente Usa Trump l'export di questi prodotti simbolo del Made in Italy potrebbe subire un duro colpo. A rischio – secondo le previsioni di Ismea – ci sono ben 2,2 miliardi di euro,...

    12-04-2019
  • Usa, in calo piantagioni di soia

    Nel 2019 le piantagioni statunitensi di soia dovrebbero diminuire, mentre quelle del mais dovrebbero aumentare. Nel frattempo, le scorte del legume sono cresciute, mentre quelle del cereale sono scese. Lo evidenziano i rapporti “Prospective...

    04-04-2019
  • Usa, maltempo mette a rischio coltivazioni soia e mais

    Negli Stati Uniti il maltempo potrebbe mettere in pericolo le coltivazioni di soia e mais. Lo sostiene Planalytics, una società meteorologica con sede a Berwyn (Pennsylvania), secondo cui le recenti alluvioni potrebbero ridurre la produzione di mais del...

    02-04-2019
  • Mercato avicolo, nel 2018 cala produzione ma crescono consumi domestici

    Nel 2018 il mercato avicolo è stato caratterizzato da un calo della produzione, ma anche da un aumento dei consumi domestici. Lo comunica l’Ismea (Istituto di servizi per il mercato agricolo alimentare), precisando che lo scorso anno la produzione...

    31-03-2019