• Cereali, produzione mondiale previsione di crescita per la campagna 2017/2018

    Print

    Registrato lieve calo produttivo rispetto al 2016

    Cereali mangimi %c2%a9 frank seifert   fotolia

    La produzione mondiale di cereali dovrebbe essere abbondante anche nella stagione 2017/18. Lo evidenzia il rapporto “Cereal Supply and Demand Brief” pubblicato dall’Organizzazione per l'alimentazione e l'agricoltura delle Nazioni Unite (Fao), secondo cui, tuttavia, quest’anno le forniture di cereali dovrebbero registrare un leggero calo rispetto al 2016.

    Confronto tra 2017 e 2016
    La Fao precisa che la produzione globale di cereali è rimasta alta nel 2017, ma al di sotto del record registrato nel 2016. Secondo l’Organizzazione, nel 2017 il raccolto di cereali dovrebbe diminuire di 1,2 milioni di tonnellate e attestarsi a 2.593 milioni di tonnellate, lo 0,6% in meno rispetto al 2016. Il declino che viene rilevato mensilmente sarebbe dovuto al calo della produzione mondiale di orzo e grano, soprattutto nell'Unione Europea.
    Nello specifico, la produzione mondiale di grano nel 2017 dovrebbe fermarsi a 739,9 milioni di tonnellate, quasi 3,3 milioni di tonnellate (lo 0,4%) in meno rispetto alle stime di giugno. La flessione è dovuta quasi interamente ala calo produttivo registrato nei Paesi dell'UE e in Ucraina, dove la siccità ha ridotto significativamente il rendimento delle colture.
    La produzione mondiale di cereali di grana grossa dovrebbe raggiungere 1.350 milioni di tonnellate, 1,9 milioni di tonnellate in più rispetto alle previsioni di giugno. Il rialzo delle stime, secondo la Fao, riflette principalmente le migliori prospettive sulla produzione globale di mais, che dovrebbe essere maggiore del previsto negli Stati Uniti e nell'Africa meridionale.
    La produzione mondiale di riso nel 2017 dovrebbe arrivare a 502,9 milioni di tonnellate, una quantità leggermente superiore a quella prevista a giugno e più alta dello 0,6% di quella registrata nel 2016. Il rialzo delle stime è dovuto alla presenza di piantagioni più estese in Asia e a un migliore rendimento di quelle presenti nel Sud America.

    Previsioni per il 2018
    La Fao prevede che le forniture globali di cereali dovrebbero essere alte anche nella stagione 2017/18. I mercati dei cereali a grana grossa dovrebbero essere particolarmente ben forniti grazie agli ingenti raccolti di mais nel Sud America. Dovrebbero essere ampie anche le disponibilità di grano, mentre le forniture di frumento ad alto contenuto proteico potrebbero diminuire a causa del peggioramento delle prospettive sulle colture negli Stati Uniti. È poi stimato un modesto aumento della produzione di riso, anche se la Fao precisa che la produzione sarà influenzata dalle condizioni di crescita dei prossimi mesi.

    Foto. © Frank Seifert - Fotolia

    redazione 11-09-2017 Tag: cerealifaomaisgranoRisoluzione contrattoproduzione
Articoli correlati
  • Grano, il segreto genetico dell'adattamento

    Individuato il segreto genetico che conferisce al grano la sua notevole capacità di adattamento. È quanto emerge da uno studio pubblicato sulla rivista Genome Research da un gruppo di ricerca tedesco-britannico coordinato da Anthony Hall...

    18-09-2018
  • Materie prime alimentari, prezzi stabili in agosto

    Nel mese di agosto i prezzi delle materie prime alimentari sono rimasti stabili: l’aumento dei listini dei cereali è stato compensato dal calo delle quotazioni di prodotti lattiero-caseari, oli vegetali e zuccheri. Lo comunica l’Organizzazione...

    14-09-2018
  • Fao: assistenza agricola contro fame e insicurezza alimentare

    Per contrastare la fame e garantire la sicurezza alimentare occorre offrire assistenza agricola alle popolazioni più vulnerabili. Lo sostiene il rapporto: “Underfunded appeals - Mid-year update July 2018” pubblicato dall'Organizzazione delle...

    13-09-2018
  • Commodities alimentari, flessione dei prezzi a luglio

    A luglio i prezzi di tutte le materie prime alimentari sono scesi. Il calo più evidente lo hanno registrato le quotazioni dei prodotti lattiero-caseari e dello zucchero, ma sono diminuiti anche quelli di carne, cereali e oli vegetali. Lo evidenzia...

    05-09-2018
  • Frumento, lieve aumento delle quotazioni in luglio

    La campagna di commercializzazione 2018/19 del frumento, che si è aperta a luglio, registra un lieve aumento delle quotazioni del cereale: i prezzi del frumento duro sono saliti del 3,3%, fino a raggiungere i 201,45 euro/t, mentre quelli del frumento...

    04-09-2018