Victam
  • Commodities alimentari, a novembre lieve calo dei prezzi

    Print

    Scendono quotazioni dei prodotti lattiero-caseari, stabili quelle delle carni, in rialzo quelle dei cereali

    Supermercato carne %c2%a9 joshhh   fotolia

    A novembre i prezzi delle commodities alimentari hanno registrato una lieve flessione, a causa del calo dei listini dei prodotti lattiero-caseari, che hanno compensato il forte aumento delle quotazioni dello zucchero e degli oli vegetali. Lo comunica l’Organizzazione per l'alimentazione e l'agricoltura delle Nazioni Unite (Fao), sottolineando che l’Indice Fao dei prezzi alimentari si è attestato su un valore medio di 175,8 punti, registrando un calo dello 0,5% rispetto al mese di ottobre, ma restando su livelli superiori del 2,3% rispetto a novembre 2016.

    La Fao precisa che la flessione di novembre è stata determinata principalmente dal calo del 4,9% dell'Indice dei prezzi dei prodotti lattiero-caseari, dovuto alla riduzione delle quotazioni del burro, del formaggio, del latte intero, di quello scremato e di quello in polvere.

    L'Indice Fao dei prezzi delle carni è invece rimasto sostanzialmente stabile: l'aumento dei listini della carne bovina è stato compensato dal calo delle quotazioni della carne suina.

    A novembre l'Indice Fao dei prezzi dei cereali ha registrato un lieve aumento, dovuto principalmente al rialzo dell'1,1% delle quotazioni internazionali di riso.

    L'Indice Fao dei prezzi dello zucchero è salito del 4,5%, soprattutto grazie al calo delle esportazioni dal Brasile e alle preoccupazione relative al fatto che i prezzi stabili del petrolio possano determinare una maggiore produzione, che potrebbe essere impiegata per produrre etanolo.

    Infine, l'Indice Fao degli oli vegetali è salito dell'1,2% rispetto a ottobre, grazie all'aumento dei listini dell'olio di soia. I valori dell'olio di palma sono invece diminuiti, a causa dei livelli di scorte più elevati del previsto in Malesia.

    Foto: © Joshhh - Fotolia

    red. 18-12-2017 Tag: faomaterie primecerealicarneprodotti lattiero-caseari
Articoli correlati
  • Materie prime, nel 2018 bilancia commerciale negativa per oltre 2miliardi di euro

    Aumento  delle importazioni e frenata delle esportazioni di cereali, semi oleosi e farine proteiche. I dati del settore cerealicolo elaborati da Anacer, Associazione nazionale cerealisti, e relativi al 2018 evidenziano, ancora una volta, la cronica carenza...

    15-03-2019
  • Fao, i candidati alla Direzione Generale

    A giugno i paesi membri dell'Organizzazione per l'alimentazione e l'agricoltura delle Nazioni Unite (Fao) saranno chiamati a eleggere il successore di José Graziano da Silva alla guida della Fao. Il nuovo Direttore Generale sarà scelto tra i cinque...

    13-03-2019
  • Materie prime alimentari, prezzi in crescita a febbraio

    A febbraio i prezzi delle commodities alimentari sono aumentati dell’1,7% rispetto al mese precedente, grazie soprattutto all’incremento dei prodotti lattiero-caseari. Lo sottolinea l’Organizzazione per l'alimentazione e l'agricoltura delle...

    12-03-2019
  • Usa, incertezza tariffe materie prime indebolisce fiducia agricoltori

    Negli Stati Uniti l'incertezza sulle tariffe delle materie prime sta minando la fiducia degli agricoltori. Lo suggerisce il rapporto “Ag Economy Barometer” pubblicato dai ricercatori della Purdue University di West Lafayette (Usa), diretti da James...

    07-03-2019
  • Gallinella: “Accordi di filiera necessari per aumentare la produzione agricola”

    L’onorevole Filippo Gallinella presiede dallo scorso giugno la Commissione Agricoltura della Camera dei Deputati. Mangimi&Alimenti l’ha intervistato per parlare delle questioni principali in materia di agroalimentare nell’agenda dei lavori...

    18-02-2019