• Commodities alimentari, a novembre lieve calo dei prezzi

    Print

    Scendono quotazioni dei prodotti lattiero-caseari, stabili quelle delle carni, in rialzo quelle dei cereali

    Supermercato carne %c2%a9 joshhh   fotolia

    A novembre i prezzi delle commodities alimentari hanno registrato una lieve flessione, a causa del calo dei listini dei prodotti lattiero-caseari, che hanno compensato il forte aumento delle quotazioni dello zucchero e degli oli vegetali. Lo comunica l’Organizzazione per l'alimentazione e l'agricoltura delle Nazioni Unite (Fao), sottolineando che l’Indice Fao dei prezzi alimentari si è attestato su un valore medio di 175,8 punti, registrando un calo dello 0,5% rispetto al mese di ottobre, ma restando su livelli superiori del 2,3% rispetto a novembre 2016.

    La Fao precisa che la flessione di novembre è stata determinata principalmente dal calo del 4,9% dell'Indice dei prezzi dei prodotti lattiero-caseari, dovuto alla riduzione delle quotazioni del burro, del formaggio, del latte intero, di quello scremato e di quello in polvere.

    L'Indice Fao dei prezzi delle carni è invece rimasto sostanzialmente stabile: l'aumento dei listini della carne bovina è stato compensato dal calo delle quotazioni della carne suina.

    A novembre l'Indice Fao dei prezzi dei cereali ha registrato un lieve aumento, dovuto principalmente al rialzo dell'1,1% delle quotazioni internazionali di riso.

    L'Indice Fao dei prezzi dello zucchero è salito del 4,5%, soprattutto grazie al calo delle esportazioni dal Brasile e alle preoccupazione relative al fatto che i prezzi stabili del petrolio possano determinare una maggiore produzione, che potrebbe essere impiegata per produrre etanolo.

    Infine, l'Indice Fao degli oli vegetali è salito dell'1,2% rispetto a ottobre, grazie all'aumento dei listini dell'olio di soia. I valori dell'olio di palma sono invece diminuiti, a causa dei livelli di scorte più elevati del previsto in Malesia.

    Foto: © Joshhh - Fotolia

    red. 18-12-2017 Tag: faomaterie primecerealicarneprodotti lattiero-caseari
Articoli correlati
  • Carne di vitello: nel 2017 consumi domestici in ripresa

    Dopo 5 anni di flessioni, nel 2017 i consumi di carne fresca di vitello sono cresciuti del 2,3% in termini di spesa e dell’1,5% in termini di volumi. Lo evidenzia il rapporto: “Carni di vitello 2017 - Tendenze e dinamiche recenti dei consumi del...

    22-04-2018
  • Usda, stabili i prezzi di soia e mais

    A metà stagione il prezzo medio della soia dovrebbe attestarsi tra i 9,10 e i 9,50 dollari per bushel, mentre quello del mais trai 3,20 e i 3,50 dollari per bushel. Lo evidenzia il Dipartimento dell'Agricoltura degli Stati Uniti (Usda), secondo cui i...

    18-04-2018
  • Materie prime alimentari, prezzi in crescita anche a marzo

    I prezzi delle materie prime alimentari sono aumentati per il secondo mese consecutivo, grazie al forte incremento delle quotazioni di cereali e latticini. Lo comunica l’Organizzazione per l'alimentazione e l'agricoltura delle Nazioni Unite (Fao),...

    15-04-2018
  • Usa: mais destinato all’export è di qualità elevata

    La qualità del mais statunitense destinato alle esportazioni è elevata. Lo evidenzia il rapporto: “Corn export cargo quality report” pubblicato dall’ U.S. Grains council (Usgc), secondo cui il cereale prodotto negli Stati Uniti...

    13-04-2018
  • Il segreto genetico delle spighe di grano e il futuro delle rese produttive

    Identificato il gene che regola la forma e la dimensione delle spighe di grano. È quanto emerge da uno studio pubblicato sulla rivista The Plant Cell da un gruppo di ricerca britannico-australiano coordinato da Scott Andrew Boden del John Innes Center di...

    11-04-2018