• Usda, calo previsioni su carryover di grano e soia statunitensi

    Print

    Aumentano stime su riporto da esercizi precedenti del mais

    Agricoltura cereali mangimi %c2%a9 branex   fotolia.com

    Il Dipartimento dell'Agricoltura degli Stati Uniti (Usda) nel rapporto: “World Agricultural Supply and Demand Estimates”, pubblicato il 12 dicembre, ha alzato del 3% le previsioni riguardanti il riporto da esercizi precedenti (carryover) del grano statunitense per il 2018, rispetto alle previsioni del mese di novembre. L’aumento sarebbe dovuto alla riduzione delle stime sulle esportazioni. Inoltre, l’Usda ha rivisto al rialzo anche le previsioni per il carryover della soia, sempre a causa del calo delle previsioni sull’export, mentre ha diminuito le stime sul carryover del mais, sulla base del maggiore impiego del cereale per la produzione di etanolo.

    Il Dipartimento prevede che il riporto da esercizi precedenti di tutto il grano dovrebbe raggiungere i 960 milioni di bushel entro il 1° giugno 2018 a, registrando un aumento di 25 milioni di bushel rispetto alla previsione di 935 milioni di bushel formulata a novembre. Questo cambiamento sarebbe dovuto a una riduzione delle stime sulle esportazioni pari a 25 milioni di bushel. Tutte le altre previsioni riguardanti il mercato di questo cereale nella campagna 2017-18 sono rimaste invariate, così come le stime riguardanti la campagna 2016-17, in cui il carryover riportato nel 2017 è stato di 1.181 milioni di bushel. “Questa riduzione è principalmente dovuta all'incremento della concorrenza canadese che ci si aspetta dall'aumento delle forniture esportabili - hanno scritto gli esperti dell'Usda nel rapporto -. Il Canada e gli Stati Uniti competono in molti mercati dell’America Latina e dell’Asia orientale”.

    L’Usda precisa che il riporto da esercizi precedenti della soia dovrebbe essere pari a 445 milioni di bushel entro il 1° settembre 2018, registrando un aumento delle previsioni rispetto a novembre di 20 milioni di bushel. Il rialzo sarebbe dovuto al fatto che l’incremento di 5 milioni di bushel nell'uso dei semi è stato più che compensato dalla riduzione di 25 milioni di bushel delle stime sulle esportazioni, pari a 2,225 milioni di bushel. Tutte le altre previsioni relativa alla campagna 2017-18 e le stime per la campagna 2016-17 sono rimaste invariate. Il riporto da esercizi precedenti nel 2017 è stato di 301 milioni di bushel.

    Secondo il Dipartimento statunitense, il carryover del mais dovrebbe raggiungere i 2.437 milioni di bushel entro il 1° settembre 2018, riportando un calo di 50 milioni di bushel o del 2% rispetto alle previsioni di novembre. Tuttavia, registrerebbe anche un rialzo del 6% rispetto ai 2.295 milioni di bushel del 2017. Il calo sarebbe stato determinato dall’aumento dell’uso del mais per la produzione di etanolo, pari a 50 milioni di bushel. “Il mais usato per produrre etanolo è aumentato di 50 milioni di bushel, a causa delle maggiori difficoltà di esportare il sorgo - si legge nel documento -. Anche gli ultimi dati del rapporto ‘Grain Crushings and Co-products Production’ stimano l’utilizzo di un quantitativo inferiore di sorgo nella produzione di etanolo nel mese di ottobre”.

    Foto: © branex - Fotolia.com

    red. 15-12-2017 Tag: USDAmercatosoiamaisgranocereali
Articoli correlati
  • Mais, un settore fra criticità e opportunità

    Il mais è una materia prima strategica per l'intera filiera agroalimentare ed essenziale per l’alimentazione zootecnica. In Italia, nell'arco di un decennio, il settore ha conosciuto un'evoluzione preoccupante: si è passati...

    11-11-2018
  • Materie prime alimentari, prezzi in calo a ottobre

    A ottobre i prezzi internazionali delle materie prime alimentari hanno registrato una flessione. Il calo dei listini dei prodotti lattiero-caseari, delle carni e degli oli vegetali ha, infatti, più che compensato l'incremento delle quotazioni dello...

    11-11-2018
  • Soia, Cina, Usa e la battaglia delle proteine vegetali

    La guerra dei dazi tra Cina e Stati Uniti non sta influenzando soltanto gli scambi commerciali tra i due Paesi, ma sta determinando cambiamenti nelle politiche economiche interne dello stato asiatico. Lo evidenzia il rapporto: “Foreign Agricultural...

    08-11-2018
  • Mais, nuova varietà ottiene azoto da batteri “buoni”

    Una nuova varietà di mais sarebbe in grado di ricevere i nutrienti di cui ha bisogno dai batteri “buoni”, per cui non avrebbe la necessità di fertilizzanti. Lo rivela uno studio pubblicato sulla rivista PLOS Biology dai ricercatori...

    06-11-2018
  • Mais, un contratto di filiera per rilanciare la produzione

    Risollevare il settore maidicolo a beneficio dell'intera filiera agroalimentare. Il mais italiano è una coltura in crisi produttiva che necessita di una strategia di rilancio con la collaborazione di tutti i soggetti della filiera. E uno strumento chiave...

    04-11-2018