• Consumi alimentari, nel 2017 registrata crescita del 3,2%

    Print

    Aumentati gli acquisti di carne, pesce e formaggi

    Supermercato carne %c2%a9 joshhh   fotolia

    Nel 2017 i consumi alimentari delle famiglie italiane sono cresciuti del 3,2% rispetto all'anno precedente. È quanto emerge dal rapporto “Consumi alimentari - I consumi domestici delle famiglie italiane” pubblicato da Ismea (Istituto di Servizi per il Mercato Agricolo Alimentare), secondo cui gli acquisti dei prodotti alimentari sono aumentati del 3%, mentre quelli delle bevande (acqua imbottigliata, birra, spumanti e vino) del 4,6%.

    L’Istituto evidenzia che l'incremento della spesa riguarda sia i prodotti confezionati, cresciuti del 3,7%, sia quelli sfusi, aumentati dell’1,8%. In particolare, hanno registrato performance positive quasi tutti i prodotti proteici di derivazione animale, che negli ultimi anni avevano riportato cali significativi: i consumi di carni bovine sono cresciuti del 3,4%, quelli di carni avicole del 3,9% e quelli di carni suine fresche del 2,7%. Ha, invece, continuato a diminuire la spesa per il latte, ridotta del 2,5% rispetto al 2016, accompagnata però da un incremento quasi dell'1% della spesa per i formaggi, soprattutto molli, duri e freschi.

    Per il secondo anno consecutivo sono aumentati gli acquisti dei prodotti ittici: l’incremento della spesa complessiva è pari al 5,4%. È poi cresciuto in misura minore il comparto dei derivati dei cereali, aumentato complessivamente dello 0,8% rispetto al 2016. Sono in calo gli acquisti di pasta (-1,6% in volume e -3% la spesa), ma crescono quelli dei prodotti integrali: pasta integrale +17%; riso integrale +10% la spesa e +20% i volumi. Hanno registrato un aumento anche i consumi di frutta (+4,3% il fresco e +3,5% il trasformato) e degli ortaggi (+4%). L’aumento della spesa per l'olio extravergine di oliva (+11%) sarebbe invece determinato esclusivamente dall'incremento dei prezzi medi unitari conseguenti alla scarsa produzione degli oliveti nazionali.

    L’Ismea precisa, infine, che l’interesse per i prodotti ad alto contenuto di servizio, alta praticità d'uso e fortemente orientati alla salute e al benessere è stato confermato anche nel 2017. Oltre il 50% dei consumatori ha, infatti, acquistato piatti pronti, sostituti del pane, insalata in busta, prodotti surgelati o prodotti bio, Dop o Igp.

    Foto: © Joshhh - Fotolia

    redazione 04-03-2018 Tag: consumi domesticiIsmeacarnepesceprodotti lattiero-casearispesa alimentare
Articoli correlati
  • Made in Italy, nel 2017 è record per l'export agroalimentare

    Per l'economia italiana il 2017 è stato l'anno della risalita dopo un decennio di crisi. In questi anni però l'agroalimentare ha manifestato una grande capacità di resistenza accreditandosi come uno dei settori chiave per il Paese, per il...

    20-09-2018
  • Materie prime alimentari, prezzi stabili in agosto

    Nel mese di agosto i prezzi delle materie prime alimentari sono rimasti stabili: l’aumento dei listini dei cereali è stato compensato dal calo delle quotazioni di prodotti lattiero-caseari, oli vegetali e zuccheri. Lo comunica l’Organizzazione...

    14-09-2018
  • I formaggi hanno più di settemila anni

    Gli umani hanno iniziato a mangiare il formaggio più di 7mila anni fa. Lo rivela uno studio pubblicato su Plos One dai ricercatori dell’Università statale della Pennsylvania di University Park (Usa), che hanno ritrovato tracce di prodotti...

    12-09-2018
  • Commodities alimentari, flessione dei prezzi a luglio

    A luglio i prezzi di tutte le materie prime alimentari sono scesi. Il calo più evidente lo hanno registrato le quotazioni dei prodotti lattiero-caseari e dello zucchero, ma sono diminuiti anche quelli di carne, cereali e oli vegetali. Lo evidenzia...

    05-09-2018
  • Frumento, lieve aumento delle quotazioni in luglio

    La campagna di commercializzazione 2018/19 del frumento, che si è aperta a luglio, registra un lieve aumento delle quotazioni del cereale: i prezzi del frumento duro sono saliti del 3,3%, fino a raggiungere i 201,45 euro/t, mentre quelli del frumento...

    04-09-2018