Victam
  • Unione Europea, migliorato in 10 anni stoccaggio dei cereali

    Print

    Ma persistono alcune criticità

    Trasporto cereali %c2%a9 candy1812   fotolia.com

    La capacità di stoccaggio dei cereali, dei semi oleosi e delle colture proteiche in Europa è cresciuta di 359 milioni di tonnellate dal 2005. Tuttavia, persistono rallentamenti nel sistema che potrebbero avere un significativo impatto sull’intero settore. È quanto emerge da uno studio sullo stoccaggio dei cereali nell'Unione Europea, commissionato dalla Direzione Generale per l'agricoltura e lo sviluppo rurale della Commissione Europea.

    L’indagine evidenzia che tra il 2005 e il 2015 la capacità di stoccaggio di cereali, semi oleosi e colture proteiche è cresciuta del 20%, mentre la produzione è aumentata dell'11% nello stesso periodo. Ciò ha determinato una migliore gestione delle scorte nell’Unione Europea: tutti i 28 stati membri hanno incrementato la capacità di stoccaggio nel decennio considerato. Tuttavia, alcuni stati membri necessitano di ulteriori investimenti per evitare il rischio di carenze.

    Lo studio ha identificato quattro principali corridoi per il trasporto di cereali, semi oleosi e colture proteiche in Europa: Corridoio Baltico-Adriatico, Corridoio Mare del Nord-Baltico, Corridoio Reno-Alpi e Corridoio Reno-Danubio. Inoltre, ha rilevato che la maggior parte del tonnellaggio a lunga distanza è coperta da corsi d’acqua interni e da ferrovie, mentre le distanze brevi sono principalmente coperte dal trasporto su strada dei camion. Tuttavia, l’analisi ha rilevato rallentamenti in tutti e quattro i corridoi di trasporto e in tutte e tre le modalità di trasporto. Per esempio, sono emersi problemi di capacità sulla rete tedesca e austriaca, in particolare nei collegamenti ferroviari transfrontalieri.

    “In Europa circolano ogni settimana circa 4 milioni di tonnellate di cereali, per un valore di oltre 1 miliardo di euro, per cui un sistema logistico e di stoccaggio ben funzionante è di fondamentale importanza per garantire che le richieste del mercato europeo siano soddisfatte a prezzi competitivi – precisa la Commissione Europea -. I rallentamenti possono produrre carenze nell’offerta e aumentare la volatilità dei prezzi”.

    Foto: © candy1812 - Fotolia.com

    red. 15-03-2018 Tag: cerealistoccaggiotrasportoUnione Europea
Articoli correlati
  • Materie prime, nel 2018 bilancia commerciale negativa per oltre 2miliardi di euro

    Aumento  delle importazioni e frenata delle esportazioni di cereali, semi oleosi e farine proteiche. I dati del settore cerealicolo elaborati da Anacer, Associazione nazionale cerealisti, e relativi al 2018 evidenziano, ancora una volta, la cronica carenza...

    15-03-2019
  • Materie prime alimentari, prezzi in crescita a febbraio

    A febbraio i prezzi delle commodities alimentari sono aumentati dell’1,7% rispetto al mese precedente, grazie soprattutto all’incremento dei prodotti lattiero-caseari. Lo sottolinea l’Organizzazione per l'alimentazione e l'agricoltura delle...

    12-03-2019
  • Le previsioni del tempo e la qualità del mais: il caso americano

    Grazie all’impiego di nuovo algoritmo, potrebbe essere possibile prevedere la resa e la qualità dei raccolti di mais. È quanto emerge da uno studio pubblicato sulla rivista Agronomy dai ricercatori dell'Università dell'Illinois di...

    12-02-2019
  • Commodities alimentari, a gennaio quotazioni in rialzo

    Il 2019 si è aperto in modo positivo per i mercati delle materie prime alimentari: a gennaio quasi tutti i listini hanno registrato un aumento. Lo comunica l’Organizzazione per l'alimentazione e l'agricoltura delle Nazioni Unite (Fao), precisando...

    09-02-2019
  • Usa, l'agricoltura fa i conti con le tensioni geopolitiche

    Negli Stati Uniti il comparto agricolo dovrà fare i conti con le tensioni geopolitiche. Lo evidenzia il rapporto: “Forces That Will Shape the U.S. Rural Economy in 2019” pubblicato da CoBank, secondo cui, data la sua dipendenza dalle...

    02-02-2019