• Materie prime alimentari, le previsioni 2018

    Print
    Cereali mondo mercato %c2%a9 scottchan   fotolia

    Nella stagione 2018-19 le scorte finali di grano e cereali a grana grossa dovrebbero fermarsi a 560 milioni di tonnellate, registrando un calo di 46 milioni (pari all’8%) rispetto ai 606 milioni di tonnellate riportati nel periodo 2017-18. Ad affermarlo, come riferisce il sito World-grain.com, è l’Organizzazione internazionale cereali (International Grains Council – Igc), secondo cui le riserve di mais dovrebbero diminuire del 14%, mentre quelle di grano dell'1,2%.

    L’Igc precisa che la produzione totale di cereali nella stagione 2018-19 dovrebbe toccare quota 2,08 miliardi di tonnellate, in diminuzione rispetto ai 2,09 miliardi di tonnellate prodotti nell’annata 2017-18. Aumentano, invece, i consumi, che dovrebbero raggiungere 2,13 miliardi di tonnellate, mentre nella stagione 2017-18 si erano fermati a 2,10 miliardi di tonnellate.

    Nello specifico, l’Igc prevede che la produzione di mais dovrebbe aumentare di 7 milioni di tonnellate, fino a raggiungere 1,05 miliardi di tonnellate. Dovrebbero crescere anche i consumi, attestandosi a 1,09 miliardi di tonnellate e riportando un aumento di 20 milioni di tonnellate rispetto ai 1,07 miliardi di tonnellate della stagione 2017-18.

    La produzione di soia dovrebbe raggiungere 354 milioni di tonnellate, mentre l’anno precedente si fermava a 341 milioni di tonnellate. In crescita anche i consumi, che dovrebbero essere pari a 358 milioni di tonnellate, mentre nella stagione 2017-18 si fermavano a 347 milioni di tonnellate.

    La produzione mondiale di grano dovrebbe, invece, diminuire del 2,2% rispetto all'anno precedente, fermandosi a 741 milioni di tonnellate. I consumi dovrebbero però aumentare, raggiungendo 744 milioni di tonnellate, mentre nel periodo 2017-18 erano pari a 742 milioni di tonnellate.

    Infine, nella stagione 2018-19 la produzione di riso dovrebbe crescere rispetto ai 486 milioni di tonnellate registrati nell’anno precedente, raggiungendo 492 milioni di tonnellate. Anche i consumi dovrebbero aumentare, fino a toccare quota 491 milioni di tonnellate, mentre nella scorsa stagione si erano fermati a 487 milioni di tonnellate.

    Foto: © scottchan - Fotolia

    redazione 28-03-2018 Tag: cerealiIgcmaisgranosoiarisoproduzioneconsumi
Articoli correlati
  • Igc: produzione di cereali in calo nella stagione 2018-19

    Nella stagione 2018-19 la produzione totale di cereali dovrebbe fermarsi a 2,077 miliardi di tonnellate, registrando un calo rispetto ai 2,09 miliardi di tonnellate del periodo 2017-18. Lo evidenzia il “Grain market report” pubblicato...

    20-07-2018
  • Indice Fao, prezzi in calo per le materia prime alimentari

    A giugno i prezzi internazionali delle materie prime alimentari sono diminuiti per la prima volta nel 2018, nonostante si preveda una riduzione della produzione globale. Secondo l’Organizzazione per l'alimentazione e l'agricoltura delle Nazioni Unite (Fao)...

    08-07-2018
  • Usda: crescono coltivazioni di grano, diminuiscono quelle di mais e soia

    Nel 2018 la superficie destinata alla coltivazione del grano negli Stati Uniti dovrebbe raggiungere i 47,821 milioni di acri, l'1% in più rispetto alle precedenti stime effettuate a marzo e il 4% in più rispetto al 2017. Ma nonostante...

    06-07-2018
  • Fefac: nel 2017 produzione europea di mangimi cresciuta dell’1,5%

    Nel 2017 la produzione europea di mangimi composti ha raggiunto 159,1 milioni di tonnellate, registrando un aumento dell'1,5% rispetto al 2016. Lo rivela Fefac (European Feed Manufacturers' Federation), precisando che il tasso di crescita più elevato...

    01-07-2018
  • Soia, domanda in crescita dall'Oriente

    La domanda asiatica di soia è in aumento, e non dovrebbe essere scalfita dalla guerra dei dazi in corso tra Cina e Stati Uniti. Lo ha dichiarato in un'intervista al sito World Grain J.Y. Chow, Vice-presidente senior del settore cibo e agricoltura della...

    29-06-2018