Victam
  • Materie prime alimentari, le previsioni 2018

    Print
    Cereali mondo mercato %c2%a9 scottchan   fotolia

    Nella stagione 2018-19 le scorte finali di grano e cereali a grana grossa dovrebbero fermarsi a 560 milioni di tonnellate, registrando un calo di 46 milioni (pari all’8%) rispetto ai 606 milioni di tonnellate riportati nel periodo 2017-18. Ad affermarlo, come riferisce il sito World-grain.com, è l’Organizzazione internazionale cereali (International Grains Council – Igc), secondo cui le riserve di mais dovrebbero diminuire del 14%, mentre quelle di grano dell'1,2%.

    L’Igc precisa che la produzione totale di cereali nella stagione 2018-19 dovrebbe toccare quota 2,08 miliardi di tonnellate, in diminuzione rispetto ai 2,09 miliardi di tonnellate prodotti nell’annata 2017-18. Aumentano, invece, i consumi, che dovrebbero raggiungere 2,13 miliardi di tonnellate, mentre nella stagione 2017-18 si erano fermati a 2,10 miliardi di tonnellate.

    Nello specifico, l’Igc prevede che la produzione di mais dovrebbe aumentare di 7 milioni di tonnellate, fino a raggiungere 1,05 miliardi di tonnellate. Dovrebbero crescere anche i consumi, attestandosi a 1,09 miliardi di tonnellate e riportando un aumento di 20 milioni di tonnellate rispetto ai 1,07 miliardi di tonnellate della stagione 2017-18.

    La produzione di soia dovrebbe raggiungere 354 milioni di tonnellate, mentre l’anno precedente si fermava a 341 milioni di tonnellate. In crescita anche i consumi, che dovrebbero essere pari a 358 milioni di tonnellate, mentre nella stagione 2017-18 si fermavano a 347 milioni di tonnellate.

    La produzione mondiale di grano dovrebbe, invece, diminuire del 2,2% rispetto all'anno precedente, fermandosi a 741 milioni di tonnellate. I consumi dovrebbero però aumentare, raggiungendo 744 milioni di tonnellate, mentre nel periodo 2017-18 erano pari a 742 milioni di tonnellate.

    Infine, nella stagione 2018-19 la produzione di riso dovrebbe crescere rispetto ai 486 milioni di tonnellate registrati nell’anno precedente, raggiungendo 492 milioni di tonnellate. Anche i consumi dovrebbero aumentare, fino a toccare quota 491 milioni di tonnellate, mentre nella scorsa stagione si erano fermati a 487 milioni di tonnellate.

    Foto: © scottchan - Fotolia

    redazione 28-03-2018 Tag: cerealiIgcmaisgranosoiarisoproduzioneconsumi
Articoli correlati
  • Materie prime, nel 2018 bilancia commerciale negativa per oltre 2miliardi di euro

    Aumento  delle importazioni e frenata delle esportazioni di cereali, semi oleosi e farine proteiche. I dati del settore cerealicolo elaborati da Anacer, Associazione nazionale cerealisti, e relativi al 2018 evidenziano, ancora una volta, la cronica carenza...

    15-03-2019
  • Materie prime alimentari, prezzi in crescita a febbraio

    A febbraio i prezzi delle commodities alimentari sono aumentati dell’1,7% rispetto al mese precedente, grazie soprattutto all’incremento dei prodotti lattiero-caseari. Lo sottolinea l’Organizzazione per l'alimentazione e l'agricoltura delle...

    12-03-2019
  • Micotossine: nemiche invisibili nella filiera dei cereali a paglia

    La salubrità delle produzioni agro-alimentari può essere compromessa dalla presenza di contaminanti antropici come metalli pesanti, fitofarmaci, residui di imballaggi o prodotti indesiderati formatisi nella fase di trasformazione. Ma è...

    10-03-2019
  • Colza, produzione in calo nell’UE

    Nella stagione 2019/20 la produzione di colza in Francia, Germania, Polonia e Regno Unito - i principali produttori dell'UE - dovrebbe diminuire, aumentando la necessità d’importare i semi della pianta dai paesi del Mar Nero. Lo sostiene Peter...

    06-03-2019
  • Usa, previsto aumento produzione di mais e grano

    A causa delle tensioni commerciali tra Usa e Cina, nella stagione 2019/20 parte delle piantagioni statunitensi di soia potrebbero lasciare il posto a mais e grano. Lo sostiene il rapporto: “Grains and oilseeds outlook” pubblicato dal Dipartimento...

    02-03-2019