• Crescono esportazioni dei prodotti made in Italy in Giappone e Russia

    Print

    Agroalimentare, nel 2017 l’export ha superato i 41 miliardi di euro

    Alimenti %c2%a9 giuseppe porzani   fotolia

    Nel 2017 l’export dei prodotti agroalimentari italiani ha superato la soglia dei 41 miliardi di euro, registrando un incremento del 6,8% rispetto all'anno precedente. Lo evidenzia il rapporto: “La bilancia commerciale agroalimentare nazionale nel 2017” pubblicato da Ismea (Istituto di servizi per il mercato agricolo alimentare), secondo cui sono cresciute in particolar modo le esportazioni dei prodotti made in Italy verso il Giappone (+42,3%) e verso la Russia (+24,6%).

    Il rapporto evidenzia che la performance positiva del settore è dovuta in gran parte al contributo dell'industria alimentare, che costituisce l'83% dell'export agroalimentare e ha mostrato un incremento annuo del 7,5%. Più contenuta la crescita della componente agricola che ha registrato un aumento del 3,4% rispetto al 2016. L’Ismea precisa che sono cresciute anche le importazioni, ma a un tasso inferiore rispetto all’export, arrivando a sfiorare i 45 miliardi di euro, con un miglioramento del deficit pari a 670 milioni di euro.

    Con 26,7 miliardi di euro e un incremento del 6% rispetto al 2016, anche lo scorso anno l'Unione Europea è rimasta il principale acquirente dei prodotti agroalimentari italiani, attraendo il 65% del valore complessivo della merce esportata. I tassi di crescita più sostenuti sono quelli verso la Spagna (+13,3%, con 1,6 miliardi di euro esportati nel 2017), la Polonia (+12,8% con 844 mila euro) e la Francia (+8,1% con 4,5 miliardi di euro).

    Sono cresciute dell'8,2% anche le esportazioni dirette verso i paesi extra-Ue, che nel 2017 hanno raggiunto la soglia dei 14,3 miliardi di euro. Gli incrementi sono risultati particolarmente consistenti per il Giappone (+42,3% con 1,3 miliardi di euro), la Russia (+24,6% con 524 milioni di euro) e la Cina (+14,9% con 448 milioni di euro). L’Ismea precisa che l'ottima performance commerciale italiana in Giappone è principalmente merito dell'accordo di partenariato economico stipulato nel mese di luglio 2017 fra UE e Giappone pereliminare le barriere commerciali.

    Foto: © Giuseppe Porzani - Fotolia

    redazione 06-04-2018 Tag: exportagroalimentareIsmeaimportazionimade in Italy
Articoli correlati
  • Bovini da carne, cresciuta redditività degli allevamenti nel 2017

    Nel 2017 la redditività degli allevamenti di bovini da carne è cresciuta. Lo evidenzia il rapporto “Rilevazione dei costi per partita de bovino da carne” pubblicato dall’Ismea (Istituto di servizi per il mercato agricolo...

    14-07-2018
  • Bilancio sulla disponibilità di carni in Italia nel 2017

    La recente diffusione Istat dei risultati sul commercio estero di carni e animali vivi, dell’indagine campionaria sulle consistenze animali (bovini, bufalini, suini, ovini, caprini e suini) riferiti al mese di dicembre 2017, nonché i dati per lo...

    11-07-2018
  • Rapporto AgrOsserva: nel primo trimestre 2018 cresce produzione agricola

    Nel primo trimestre del 2018 la produzione agricola è tornata a crescere. Lo evidenzia il rapporto: “AgrOsserva La congiuntura agroalimentare I trimestre 2018” pubblicato da Ismea (Istituto di servizi per il mercato agricolo alimentare),...

    10-07-2018
  • Soia, domanda in crescita dall'Oriente

    La domanda asiatica di soia è in aumento, e non dovrebbe essere scalfita dalla guerra dei dazi in corso tra Cina e Stati Uniti. Lo ha dichiarato in un'intervista al sito World Grain J.Y. Chow, Vice-presidente senior del settore cibo e agricoltura della...

    29-06-2018
  • Grano, il ruolo dell'Asia come importatore

    L’Asia è destinata a ricoprire un ruolo sempre più rilevante nel mercato globale dei cereali. La domanda di questi prodotti da parte del continente asiatico dovrebbe infatti continuare a crescere, grazie al proliferare delle classi medie. Lo...

    28-06-2018