• Anche la soia nella guerra dei dazi tra Usa e Cina

    Print
    Soia %c2%a9 dusan kostic   fotolia

    La guerra dei dazi tra Usa e Cina preoccupa i coltivatori statunitensi di soia, perché potrebbe far crollare drasticamente le importazioni del legume nel Paese asiatico. Come riporta un articolo pubblicato sul sito CNN Money, gli agricoltori nordamericani temono che la reazione cinese alle politiche messe in atto da Trump potrebbero danneggiare seriamente l’economia degli stati agricoli degli Usa e mettere a rischio oltre 300.000 posti di lavoro.

    Secondo il Dipartimento dell'Agricoltura degli Stati Uniti (Usda), lo scorso anno la Cina è stata il principale acquirente di soia statunitense: ha comprato un quantitativo di legumi pari a 12,3 miliardi di dollari. Tuttavia, quest’anno il Paese asiatico sta progettando di far pagare agli agricoltori statunitensi una tariffa doganale del 25% per poter vendere i semi di soia nel suo territorio, come rappresaglia per i dazi proposti dal Presidente Trump sulle merci cinesi. Quest’eventualità preoccupa gli agricoltori nordamericani, che stanno pensando di ridurre la produzione del legume per evitare di andare incontro a grosse perdite.

    La soia costituisce la merce agricola statunitense più venduta al di fuori del Paese. L’anno scorso le esportazioni del legume hanno permesso ai produttori americani di guadagnare 21,6 miliardi di dollari. Secondo Panjiva, una società di ricerca, quasi il 60% dei semi di soia è stato venduto in Cina, poi in Messico e in Giappone. Le tariffe doganali cinesi, pertanto, “avranno un effetto devastante su ogni produttore di soia in America” afferma John Heisdorffer, Presidente dell’American Soybean Association.

    L’associazione evidenzia che ogni anno oltre la metà del raccolto di soia negli Stati Uniti viene esportata. In particolare, nell'ultimo decennio le vendite in Cina dei legumi prodotti negli Usa sono quasi triplicate, fino a raggiungere i 32 milioni di tonnellate. Ma il Brasile ha superato gli Stati Uniti come principale esportatore di soia in Cina e la politica dei dazi potrebbe ampliare ulteriormente il vantaggio del Brasile, oppure favorire il sorpasso dell'Argentina, il terzo maggior fornitore di soia in Cina. Le nuove tariffe doganali potrebbero, infatti, rendere la soia statunitense meno competitiva per gli acquirenti cinesi rispetto a quella prodotta nel Sud America.

    Foto: © Dusan Kostic - Fotolia

    redazione 12-04-2018 Tag: soiaUsaCinaesportazionimercato
Articoli correlati
  • Igc, in aumento produzione globale di cereali

    Nella stagione 2018-19 la produzione totale di cereali dovrebbe raggiungere i 2.072 miliardi di tonnellate. Si tratta di un valore inferiore rispetto ai 2.095 miliardi di tonnellate raccolti nel periodo 2017-18, ma superiore ai 2.063 miliardi di tonnellate...

    19-10-2018
  • Mangimistica mondiale: un mercato da 500miliardi di dollari nel 2023

    Il mercato degli alimenti per animali dovrebbe crescere a un Cagr (tasso di crescita annuale composto) del 4,42%, fino a raggiungere 505,398 miliardi di dollari nel 2023. Lo evidenzia il rapporto: “Animal Feed Market - Forecasts from 2018 to 2023”...

    09-10-2018
  • Frumento, ripresa delle quotazioni nella campagna 2017/18

    La campagna di commercializzazione 2017/18 del frumento si è chiusa registrando una ripresa delle quotazioni all'origine, che rispetto allo scorso anno sono cresciute dell’8,3% per il frumento duro e del 7,1% per il frumento tenero. È quanto...

    05-10-2018
  • Usa, produzione record di soia

    Nel 2018 la produzione di soia negli Usa dovrebbe raggiungere valori record: 4,693 miliardi di bushel, il 7% in più rispetto al 2017. Lo rivela il rapporto “Crop Production” pubblicato il 12 settembre dal Dipartimento dell'Agricoltura degli...

    02-10-2018
  • Argentina, produzione di soia in calo a causa della siccità

    A causa della siccità, il raccolto di soia in Argentina nella stagione 2017-18 dovrebbe fermarsi a 36 milioni di tonnellate, il 37% in meno rispetto alle stime effettuate all'inizio dell'anno. Lo rivela il rapporto: “Global agricultural information...

    04-09-2018