• Commissione Europea: pubblicate Linee guida su trasformazione ex-alimenti in mangimi

    Print

    Fefac ed Effpa approvano l’iniziativa

    Albero sottoprodotti

    Lo scorso 17 aprile la Commissione Europea ha pubblicato il documento: “Guidelines for the feed use of food no longer intended for human consumption”, che illustra le linee guida per l'uso degli alimenti non più destinati al consumo umano nell’ambito della produzione dei mangimi. L’iniziativa è stata accolta con favore da Fefac (European Feed Manufacturers' Federation) ed Effpa (European former foodstuff processors association), che apprezzano gli sforzi compiuti dalla Commissione Europea, in collaborazione con le autorità nazionali competenti, per sviluppare un documento di orientamento pratico, diretto ad accrescere la certezza giuridica e a preservare l'integrità e la sicurezza della filiera europea di alimenti e mangimi.

    L'Effpa, che rappresenta i trasformatori degli ex-prodotti alimentari in mangimi, considera le linee guida un ulteriore sostegno all’idea che l’attività del settore rappresenti una “soluzione legale e professionale” per ridurre lo spreco alimentare. “Questa pubblicazione costituisce un elemento fondamentale per la pratica commerciale del trattamento degli ex-prodotti alimentari – spiega Paul Featherstone, Presidente di Effpa -. Ora dovrebbe essere chiaro che quando i prodotti alimentari cadono sul pavimento del luogo in cui vengono prodotti oppure hanno superato la data di scadenza, non significa automaticamente che non possano essere utilizzati nell’ambito della produzione di mangimi”.

    Fefac, che rappresenta i produttori europei di mangimi composti e, quindi, i principali clienti dei trasformatori degli ex-prodotti alimentari, ritiene che il documento potrebbe migliorare la gestione della sicurezza e la tracciabilità dei mangimi. “Accogliamo con favore la volontà delle Linee guida d’indicare le responsabilità dei diversi operatori in questa particolare fase della catena mangimistica - sottolinea Nick Major, Presidente di Fefac -. Conferma che quest’attività non rappresenta una forma di riciclaggio degli scarti alimentari e che la qualità dei mangimi e la sicurezza degli ex-prodotti alimentari devono essere verificati prima di entrare nella catena mangimistica”.

    Effpa e Fefac ritengono che le Linee guida favoriranno il trattamento degli alimenti non più adatti al consumo umano in mangimi in condizioni controllate, e aumenteranno la comprensione e il riconoscimento del processo di trasformazione degli ex-prodotti alimentari in Europa.

    redazione 21-04-2018 Tag: mangimiFEFACEFFPAex-prodotti alimentarialimentazione animale
Articoli correlati
  • Sostenibiltà, Fefac si unisce al comitato anti-deforestazione

    L'industria mangimistica europea in difesa delle foreste subtropicali. Nick Major, il presidente di Fefac, la federazione europea che riunisce i produttori di mangimi, è entrato a far parte del Global Steering Committee, un comitato del Governors’...

    19-05-2018
  • Suinetti, dall'olio di cannella benefici per l'intestino

    Un olio essenziale in grado di migliorare la funzione intestinale, l'apporto dietetico e la composizione del microbioma dei suinetti appena svezzati. È l'olio di cannella, il supplemento testato da un gruppo di ricercatori internazionale, provenienti dal...

    07-05-2018
  • Deforestazione, la posizione di Fefac

    La Federazione dei produttori europei di mangimi composti (Fefac - European Feed Manufacturers' Federation) è favorevole all'analisi condotta dalla Commissione Europea sullo studio di fattibilità delle iniziative per intensificare l'azione dell'UE...

    15-04-2018
  • Gruppo Grigi: “Da oltre 50 anni nel settore mangimistico, copre l’intera filiera agroalimentare”

    “Dalla terra alla tavola”: è questa la filosofia aziendale del “Gruppo Grigi”, che opera da oltre 50 anni nel settore degli alimenti zootecnici e che, ad oggi, copre tutta la filiera agroalimentare. La nascita – Il...

    03-04-2018
  • Mais, la parola alla scienza

    Sono tre gli elementi principali emersi dallo studio sul mais transgenico promosso dalla Scuola Superiore Sant’Anna e dall’Università di Pisa, recentemente pubblicato su Scientific Reports della rivista Nature: la coltivazione di questo mais...

    25-03-2018