Victam
  • Stati Uniti, migliora la produzione di soia rispetto allo scorso anno

    Print
    Soia gm

    La produzione agricola delle colture per mangimi negli Stati Uniti è in ripresa. I livelli stanno avvicinandosi gradualmente a quelli dello scorso anno dopo aver superato una prima fase critica, con condizioni climatiche sfavorevoli e un avvio incerto. I progressi sono impressionanti, come ricorda a FeedNavigator Scott Brown, docente di agraria ed economia applicata all'Università del Missouri. “Abbiamo piantato una buona quantità di mais. In Missouri – sottolinea – siamo avanti rispetto allo scorso anno e abbiamo capito che possiamo piantare una rilevante quantità di mais in un breve arco di tempo”. 

    Per quanto riguarda l'emergenza delle colture c'è stato qualche ritardo nella germinazione: “Abbiamo di fronte un livello di emergenza del mais del 34% piuttosto che del 40%”, aggiunge ancora il professore. 

    Mais 

    Il Dipartimento dell'Agricoltura degli Stati Uniti ha diffuso i dati relativi al 2018/19 sulle piantagioni per mangimi. Nei 18 Stati responsabili per il 92% della produzione dello scorso anno il livello del mais piantato ha quasi raggiunto quello medio fissato per questa fase della stagione ma resta indietro al livello dello scorso anno. È il 62% rispetto al 63% in media e al 68% del 2017.  Al 13 maggio, poi, si trova nella fase di emergenza il 28% del mais mentre lo scorso anno il livello era al 27%. 

    Soia 

    La performance della soia è migliore di quella degli anni passati. Nei 18 Stati che lo scorso anno hanno piantato circa il 96% delle piantagioni il livello è 35% rispetto al 26% in media e al 29% del 2017. E anche il tasso di emergenza ha fatto progressi (circa 10% contro il 7% dello scorso anno).  

    Grano 

    La maturazione del grano invernale, pari al 45% circa, è dietro al livello dello scorso anno (61%) e a quello medio degli ultimi anni (53%). Lo scorso anno, circa il 61%, in media 53% mentre oggi ha raggiunto quota 45%. Anche la qualità del grano è inferiore: lo scorso anno l'8% della piantagione era considerato eccellente e il 43% buono; oggi si è fermi al 7% e 29%.  

    Sorgo e avena 

    Il sorgo piantato è allo stesso livello dello scorso anno (32%) ma sotto la media degli ultimi anni. L'avena piantata, al 72%, è sotto a entrambi gli indicatori (89% nel 2017 e 84% medio). Anche la fase di emergenza è inferiore: 48% contro il 66% medio e il 70% dello scorso anno. 

    redazione 16-05-2018 Tag: maissoiastati unitiUSDAsorgoavena
Articoli correlati
  • Giornata del mais 2019, trinciati e tavolo tecnico permanente al centro dei lavori

    Il 25 gennaio 2019 si è svolta la Giornata del mais, organizzata a Bergamo dal CREA Centro di ricerca Cerealicoltura e Colture Industriali. Il convegno ha visto un’ampia partecipazione da parte di esperti e operatori della filiera a dimostrazione...

    19-05-2019
  • Stati Uniti, in ritardo semina di mais e altri cereali

    Negli Stati Uniti le condizioni meteorologiche avverse avrebbero ritardato la semina del mais e di altri cereali utilizzati nella produzione dei mangimi. Lo evidenzia il rapporto “Crop Progress” pubblicato dal Dipartimento dell'Agricoltura degli...

    23-04-2019
  • Dazi Usa su merci Ue? A rischio 2,2 miliardi di Made in Italy agroalimentare

    Pecorino Romano, olio, vino e pasta. Con i dazi minacciati dal presidente Usa Trump l'export di questi prodotti simbolo del Made in Italy potrebbe subire un duro colpo. A rischio – secondo le previsioni di Ismea – ci sono ben 2,2 miliardi di euro,...

    12-04-2019
  • Mais, impiego di funghi autoctoni efficace contro aflatossine

    L’impiego di funghi autoctoni di Aspergillus flavus incapaci di produrre micotossine potrebbe proteggere le piantagioni di mais dalla contaminazione da aflatossine. Lo rivela uno studio pubblicato sulla rivista Agronomy Journal dagli scienziati della North...

    06-04-2019
  • Usa, in calo piantagioni di soia

    Nel 2019 le piantagioni statunitensi di soia dovrebbero diminuire, mentre quelle del mais dovrebbero aumentare. Nel frattempo, le scorte del legume sono cresciute, mentre quelle del cereale sono scese. Lo evidenziano i rapporti “Prospective...

    04-04-2019