• Fefac, bene Fao su antibiotici ma in Europa sono già vietati come promotori di crescita

    Print
    Mucca bovini %c2%a9 mexrix   fotolia.com

    Intervento lodevole ma parziale. È il giudizio di Fefac, la federazione europea dei produttori di mangimi, sulla presa di posizione della Fao contro l'utilizzo scriteriato di antibiotici negli allevamenti. Per la Fefac, infatti, l'organizzazione internazionale avrebbe dovuto ricordare che in Europa già dal 2006 è vietato utilizzare questi farmaci come promotori della crescita.  

    La resistenza agli antibiotici è una minaccia globale, ricorda la federazione che ha manifestato il suo apprezzamento al lavoro della Fao e agli sforzi fatti per la difesa della salute degli animali. Pertanto la richiesta fatta dal direttore generale dell'agenzia dell'Onu Graziano da Silva contro l'uso di antibiotici promotori della crescita è stata un'azione lodevole compiuta in un forum internazionale. Tuttavia – rimarca Fefac – da Silva avrebbe dovuto far notare che in Europa questo è già realtà da più di un decennio. E la mancata specificazione non farà altro che aumentare la confusione sul tema come già emerso in un'indagine di Eurobarometro del 2016. Solo il 37% dei cittadini europei – era emerso dalla rilevazione – era consapevole di tale divieto. 

    Secondo Fefac, inoltre, la Fao dovrebbe rendere noti i progressi compiuti nel campo delle scienze della nutrizione animale a beneficio della salute e delle prestazioni degli allevamenti, sottolineando al contempo la necessità di utilizzare con responsabilità gli antibiotici, una pratica che esclude il loro uso per la stimolazione della crescita. 

    Il contributo delle soluzioni nutrizionali per la gestione ottimale della salute degli allevamenti è stato riconosciuto dalla Commissione Europea assieme a fattori chiave come l'igiene o le vaccinazioni. Nella sua Visione 2030, un dossier sulle soluzioni per un allevamento sostenibile, Fefac esorta all'inclusione delle scienze della nutrizione animale per aiutare a ridurre il bisogno di antibiotici nelle fattorie. Il tema sarà ulteriormente discusso alla prossima assemblea generale della federazione a Lione (20-21 giugno).

    redazione 05-06-2018 Tag: resistenza agli antibioticiFEFACfaopromotori di crescita
Articoli correlati
  • Commodities alimentari, a settembre quotazioni in calo

    A settembre i prezzi delle materie prime alimentari sono diminuiti, soprattutto a causa dell’aumento delle scorte dei cereali di base. Ma sono diminuiti anche i listini dei prodotti lattiero-caseari e degli oli vegetali. Lo comunica l’Organizzazione...

    12-10-2018
  • Trasformare sistema alimentare per nutrire le persone e salvare il pianeta

    Per nutrire la popolazione mondiale in crescita e per salvaguardare il pianeta occorre trasformare il sistema alimentare, in modo da renderlo più sostenibile. Lo ha affermato José Graziano da Silva, Direttore Generale dell’Organizzazione...

    11-10-2018
  • Il cambiamento climatico e gli effetti sul commercio agroalimentare

    Dato che il cambiamento climatico sembra destinato ad alterare la capacità di molte regioni del mondo di produrre cibo, il commercio internazionale di prodotti agricoli ricoprirà un ruolo essenziale nel soddisfare il fabbisogno alimentare della...

    05-10-2018
  • I big data nella lotta alla fame nel mondo

    Occorre migliorare la raccolta dei dati agricoli nei paesi a basso reddito, per poter raggiungere gli obiettivi di sviluppo sostenibile fissati dalle Nazioni Unite. Lo evidenzia l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura...

    03-10-2018
  • Fao, produzione cereali in calo nel 2018

    Nel 2018 la produzione mondiale di cereali dovrebbe raggiungere i 2.587 milioni di tonnellate. Questo valore, leggermente superiore rispetto alle previsioni di luglio, è il più basso registrato negli ultimi tre anni e risulta inferiore del 2,4%...

    28-09-2018