• Alleanza internazionale per salvaguardare salute umana, animale e ambientale

    Print
    Animal task force

    Le interazioni tra esseri umani, animali e ambiente devono essere sicure e per questo Fao, Oms e Oie hanno rilanciato un impegno comune per contrastare le minacce relative a tali interazioni: “Questa alleanza unisce le competenze specialistiche e l'esperienza di ognuna delle tre organizzazioni per ottenere esattamente questo, attraverso un approccio "One Health" (Una salute)”, spiega il direttore generale della Fao Jose Graziano da Silva. L'alleanza è stata sancita in un Memorandum d'Intesa in cui è stato deciso di potenziare la loro collaborazione in particolare per affrontare il problema della resistenza agli antibiotici. 

    Per l'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'Alimentazione e l'Agricoltura, l'Organizzazione Mondiale della Sanità e l'Organizzazione Mondiale per la Salute Animale la resistenza ai farmaci sviluppata dagli agenti patogeni è una priorità assoluta. Sorveglianza del fenomeno, monitoraggio e uso responsabile degli antimicrobici sono le parole d'ordine per l'azione di contrasto di Oms, Fao e Oie: "La minaccia della resistenza antimicrobica interessa sia gli uomini, che gli animali, che il nostro ambiente. Per questo motivo la Triplice Alleanza di Oms, Fao ed Oie è cosi importante," afferma il Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale dell'Oms. 

    Un altro aspetto preoccupante è quello rappresentato dalle malattie zoonotiche emergenti ed endemiche. Il documento ha come obiettivo il miglioramento delle capacità di previsione per interventi più tempestivi, l'aiuto ai sistemi sanitari nazionali e l'adozione di misure congiunte per la riduzione delle minacce: "Oltre il 60% degli agenti patogeni esistenti o emergenti che colpiscono gli esseri umani hanno origine animale; il 75% di questi viene da animali selvatici. Per questo non possiamo affrontare i problemi della salute umana, animale e dell'ambiente in maniera isolata - dobbiamo considerarli e gestirli insieme”, sottolinea da Silva. 

    Le attività comuni previste dal nuovo accordo includeranno, tra l'altro: 

    • Affrontare le sfide della sicurezza alimentare che richiedono un approccio multi-settoriale nel contesto di un generale rafforzamento della sicurezza alimentare;  

    • Promuovere il coordinamento nel settore ricerca e sviluppo per raggiungere una visione comune sulle malattie zoonotiche di maggior priorità e sul tipo di ricerca necessaria a prevenirle, individuarle e controllarle; 

    • Lavorare con i Paesi al fine di rafforzare la salute umana a livello nazionale e regionale, cosi come la salute animale e i servizi per la sicurezza alimentare; 

    • Migliorare la cooperazione nelle attività di analisi previsionale, valutazione del rischio, rafforzamento della capacità di preparazione e delle risposte comuni alle malattie infettive - nuove, vecchie e trascurate - che minacciano la salute umana, animale e dell'ambiente.

    redazione 07-06-2018 Tag: resistenza antibioticifaoomsOiesicurezza alimentaremalattie zoonotiche
Articoli correlati
  • Sicurezza alimentare, uso additivi alimentari conforme ai regolamenti

    In Italia l’impiego degli additivi alimentari nelle diverse filiere di produzione è conforme ai regolamenti. Lo sottolinea la “Relazione al Piano nazionale additivi 2015-2018 relativa ai dati 2017” pubblicata dal Ministero della Salute...

    21-10-2018
  • Comitato nazionale sicurezza alimentare, al via il rinnovo

    Con il Decreto ministeriale 19 settembre 2018, il Ministro della Salute Giulia Grillo ha disposto il rinnovo del “Comitato nazionale per la sicurezza alimentare (Cnsa)”, scaduto da alcuni mesi. Si tratta di un organo tecnico-consultivo in materia di...

    19-10-2018
  • Commodities alimentari, a settembre quotazioni in calo

    A settembre i prezzi delle materie prime alimentari sono diminuiti, soprattutto a causa dell’aumento delle scorte dei cereali di base. Ma sono diminuiti anche i listini dei prodotti lattiero-caseari e degli oli vegetali. Lo comunica l’Organizzazione...

    12-10-2018
  • Trasformare sistema alimentare per nutrire le persone e salvare il pianeta

    Per nutrire la popolazione mondiale in crescita e per salvaguardare il pianeta occorre trasformare il sistema alimentare, in modo da renderlo più sostenibile. Lo ha affermato José Graziano da Silva, Direttore Generale dell’Organizzazione...

    11-10-2018
  • Il cambiamento climatico e gli effetti sul commercio agroalimentare

    Dato che il cambiamento climatico sembra destinato ad alterare la capacità di molte regioni del mondo di produrre cibo, il commercio internazionale di prodotti agricoli ricoprirà un ruolo essenziale nel soddisfare il fabbisogno alimentare della...

    05-10-2018