• Usda: migliora qualità della soia, resta stabile quella del mais

    Print

    Maturazione più rapida della media per entrambe le colture

    Mais russia

    La qualità della soia prodotta quest’anno negli Stati Uniti è migliore delle aspettative: il 70% del raccolto rientra nella categoria “da buono a eccellente”. Lo evidenzia il rapporto “Crop Progress” pubblicato dal Dipartimento dell'Agricoltura degli Stati Uniti (Usda), secondo cui la qualità del mais resta invece costante -in questo caso, il 72% del raccolto del cereale viene valutato come “da buono a eccellente”.

    Secondo il sito Farm Future, gli analisti si aspettavano un peggioramento della valutazione del mais effettuata dall'Usda: in base alle loro stime, la percentuale giudicata come “da buona a eccellente” sarebbe dovuta scendere al 71%. In effetti, in alcuni stati - in particolare Michigan e Ohio - la qualità del cereale è diminuita. Tuttavia, gli aumenti registrati in altri stati hanno permesso al punteggio complessivo di restare stabile al 72%, un valore significativamente più alto di quello registrato nello stesso periodo dello scorso anno, quando la qualità del raccolto solo nel 57% dei casi è stata considerata “da buona a eccellente”. Quest’anno il 19% del raccolto di mais è stato valutato come “sufficiente”, mentre il restante 9% rientra nella categoria “da scarso a molto scarso”. L’Usda precisa che quest'anno il mais continua a maturare più rapidamente della media. L'81% delle colture ha già raggiunto la fase di produzione della seta, mentre nel 2017 la percentuale si fermava al 63% e nell’ultimo quinquennio in media al 62%. Inoltre, il 18% delle piante ha raggiunto la fase in cui i chicchi sono formati, anche se non sono già maturi, rispetto all'8% dell’anno scorso e della media quinquennale.

    Gli analisti si attendevano anche un peggioramento della valutazione dell'Usda sulla soia: secondo i loro calcoli la percentuale di raccolto ritenuto “da buono a eccellente” sarebbe dovuta scendere al 69%, mentre è salita al 71%. Il 22% del raccolto è considerato “sufficiente”, mentre l’8% “da scarso a molto scarso”. Anche la maturazione della soia è superiore alla media: più di tre quarti (78%) delle colture sono fiorite, mentre l’anno scorso lo erano solo il 67% e negli ultimi cinque anni, in media, solo il 63%. Inoltre, il 44% delle piante ha prodotto i baccelli, rispetto al 27% dello stesso periodo del 2017 e alla media quinquennale del 23%.

    redazione 25-07-2018 Tag: USDAmaissoiaUsaagricolturaCOLTURE
Articoli correlati
  • Mais, un settore fra criticità e opportunità

    Il mais è una materia prima strategica per l'intera filiera agroalimentare ed essenziale per l’alimentazione zootecnica. In Italia, nell'arco di un decennio, il settore ha conosciuto un'evoluzione preoccupante: si è passati...

    11-11-2018
  • Soia, Cina, Usa e la battaglia delle proteine vegetali

    La guerra dei dazi tra Cina e Stati Uniti non sta influenzando soltanto gli scambi commerciali tra i due Paesi, ma sta determinando cambiamenti nelle politiche economiche interne dello stato asiatico. Lo evidenzia il rapporto: “Foreign Agricultural...

    08-11-2018
  • Agricoltura, individuato gene che rende piante resistenti alle malattie

    Identificato un gene che rende le piante resistenti alle malattie. È quanto emerge da uno studio pubblicato sulla rivista Nature Communications dai ricercatori dell’Università di Edimburgo (Regno Unito), secondo cui la scoperta potrebbe...

    07-11-2018
  • Mais, nuova varietà ottiene azoto da batteri “buoni”

    Una nuova varietà di mais sarebbe in grado di ricevere i nutrienti di cui ha bisogno dai batteri “buoni”, per cui non avrebbe la necessità di fertilizzanti. Lo rivela uno studio pubblicato sulla rivista PLOS Biology dai ricercatori...

    06-11-2018
  • Mais, un contratto di filiera per rilanciare la produzione

    Risollevare il settore maidicolo a beneficio dell'intera filiera agroalimentare. Il mais italiano è una coltura in crisi produttiva che necessita di una strategia di rilancio con la collaborazione di tutti i soggetti della filiera. E uno strumento chiave...

    04-11-2018