• Farmaci veterinari, ricetta elettronica obbligatoria dal 1° dicembre 2018

    Print

    Obiettivo: migliorare tracciabilità e corretto utilizzo di farmaci e mangimi medicati

    Farmaci medicine pillole %c2%a9 grafikplusfoto   fotolia.com

    A partire dal 1° dicembre 2018 la ricetta elettronica veterinaria diventerà obbligatoria. Lo comunica il Ministero della Salute, precisando che la proroga è contenuta nel Decreto legge 25 luglio 2018, n. 91 pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale lo stesso giorno. La nuova prescrizione dei medicinali veterinari su formato elettronico, prevista dalla Legge 167/2017, verrà applicata all’intero ciclo di gestione dei farmaci e dei mangimi medicati/prodotti intermedi destinati all’uso in veterinaria, dalla prescrizione all’erogazione, fino alla registrazione delle informazioni dei trattamenti effettuati. La norma interessa i medici veterinari, le farmacie e parafarmacie, i grossisti autorizzati alla vendita diretta, i mangimifici, i servizi veterinari delle Regioni/Asl, i proprietari e i detentori di animali da produzione di alimenti e i proprietari e i detentori di animali da compagnia.

    Il Ministero evidenzia che l’impiego della nuova ricetta permetterà d’incrementare la tracciabilità e la trasparenza dei medicinali veterinari, favorendone l’utilizzo corretto. Inoltre, consentirà di rilevare il consumo reale di questi farmaci, aumentando la tutela della salute pubblica, e renderà più efficiente l’attività di farmacosorveglianza e di analisi del rischio sanitario.

    La prescrizione digitale ridurrà gli adempimenti e i costi non solo per la pubblica amministrazione, ma anche per il cittadino proprietario di animali d’affezione e per l’allevatore. Grazie all’eliminazione dell’obbligo di ricorrere alla versione cartacea, sarà infatti molto più agevole procedere all’acquisto di medicinali veterinari: bisognerà fornire al farmacista solo il codice fiscale e il Pin a quattro cifre generato dal sistema informatizzato all’atto dell’inserimento della ricetta da parte del veterinario. Il Pin e il codice fiscale identificano, infatti, in modo univoco la ricetta elettronica che il farmacista, a sua volta, sarà in grado di visualizzare senza difficoltà. Se necessario o su richiesta, dopo essere stata generata la ricetta veterinaria elettronica potrà comunque essere stampata.

    Foto: © grafikplusfoto - Fotolia.com

    red. 06-08-2018 Tag: farmaci veterinariricetta elettronicasanità animaletracciabilità
Articoli correlati