• Europa, la metà dei prodotti alimentari è priva di pesticidi

    Print
    Spesa frutta e verdure supermercato %c2%a9 aleksei potov   fotolia

    Consumatori europei al riparo dai pesticidi. Se in quasi la totalità dei prodotti analizzati i residui di sostanze nocive sono entro i limiti di legge, in un caso su due i residui sono del tutto assenti. Ecco gli ultimi dati forniti dall'Efsa, l'Autorità europea per la sicurezza alimentare, nel dossier dedicato e riferito al 2016: “Come negli anni precedenti, il report conferma gli alti livelli di conformità del cibo in Europa. Ogni anno migliaia di prodotti sono controllati dagli Stati membri per verificare che i limiti legali sono rispettati”, sottolinea Vytenis Andriukaitis, commissario europeo per la Salute e la sicurezza alimentare.  

    In tutto sono stati analizzati dai Paesi dell'Ue e dell'area economica europea 84657 campioni in cui si sono cercate le tracce di 791 pesticidi. Di questi il 96,2% dei campioni presenta residui inferiori o pari a quelli previsti come limite dalla legge, mentre in poco meno del 51% i prodotti ne sono privi. Rispetto al 2015 le percentuali sono leggermente inferiori. Nell'ultimo rilevamento, infatti, il 97,2% dei campioni era sotto soglia e il 53,3% non aveva pesticidi. La differenza – spiegano gli esperti – è da attribuire principalmente all'introduzione del clorato tra le sostanze nocive risalente al 2016.  

    In Italia sono stati analizzati poco più di 11 mila campioni. L'1,9% dei campioni è emerso con livelli inferiori a quelli di residuo massimo, ovvero la quantità massima di pesticida tollerata; il 64,8% al di sotto della minima quantità di sostanza rilevabile e il 33,3% tra questi due estremi.  

    La maggior parte dei campioni testati proveniva da Paesi dell'Ue, dall'Islanda e dalla Norvegia. Il 26,4% riguardava prodotti importati da Paesi terzi mentre per il restante 6,6% l'origine era sconosciuta. E proprio nei campioni di prodotti di origine extra europea si superavano più spesso i limiti legali (7,2% vs 2,4%).  

    Percentuali più alte sono state registrate nei campioni di cibo destinato ai bambini (98,1% entro i limiti di legge e 89,8% senza residui) e nei prodotti biologici (98,7% e 83,1%).  

    L'autorità ha infine riportato anche i risultati del programma Eucp, il programma di controllo coordinato dall'Ue, nei quali i Paesi analizzano i campioni di uno stesso paniere di prodotti: mele, cavolo, lattuga, porro, pesche, fragole, pomodori, segale, vino, latte di mucca e grasso di maiale per il 2016. Nei campio di mele e pomodori sono state rilevate le maggiori eccedenze dei limiti di legge; all'estremo opposto prodotti come segale, cavolo e fragole.

    redazione 01-08-2018 Tag: EFSApesticidisicurezza alimentare
Articoli correlati
  • Sicurezza alimentare, uso additivi alimentari conforme ai regolamenti

    In Italia l’impiego degli additivi alimentari nelle diverse filiere di produzione è conforme ai regolamenti. Lo sottolinea la “Relazione al Piano nazionale additivi 2015-2018 relativa ai dati 2017” pubblicata dal Ministero della Salute...

    21-10-2018
  • Comitato nazionale sicurezza alimentare, al via il rinnovo

    Con il Decreto ministeriale 19 settembre 2018, il Ministro della Salute Giulia Grillo ha disposto il rinnovo del “Comitato nazionale per la sicurezza alimentare (Cnsa)”, scaduto da alcuni mesi. Si tratta di un organo tecnico-consultivo in materia di...

    19-10-2018
  • Al via consultazione su additivi per mangimi

    L'Autorità europea per la sicurezza alimentare (Efsa) ha avviato una consultazione pubblica sulla bozza delle “Linee guida per la valutazione della sicurezza per l’ambiente degli additivi per mangimi”. Il documento è stato...

    17-10-2018
  • Trasformare sistema alimentare per nutrire le persone e salvare il pianeta

    Per nutrire la popolazione mondiale in crescita e per salvaguardare il pianeta occorre trasformare il sistema alimentare, in modo da renderlo più sostenibile. Lo ha affermato José Graziano da Silva, Direttore Generale dell’Organizzazione...

    11-10-2018
  • Il cambiamento climatico e gli effetti sul commercio agroalimentare

    Dato che il cambiamento climatico sembra destinato ad alterare la capacità di molte regioni del mondo di produrre cibo, il commercio internazionale di prodotti agricoli ricoprirà un ruolo essenziale nel soddisfare il fabbisogno alimentare della...

    05-10-2018