• Scoperta genetica potrebbe migliorare qualità mais

    Print
    Mais pannocchie cereali   seeyou   c. steps   fotolia.com

    Una scoperta genetica potrebbe migliorare la qualità e la resa del mais. Lo rivela una ricerca pubblicata sulla rivista Proceedings of the National Academy of Sciences dagli scienziati della Rutgers University di Piscataway (Usa) e dell’Institute of plant physiology & ecology di Shanghai (Cina), che hanno identificato i regolatori genetici che sintetizzano l'amido e le proteine all’interno dell'endosperma del cereale.

    Gli autori precisano che con il passare del tempo la coltivazione del cereale ha gradualmente aumentato il contenuto di amido nel mais, riducendo l'accumulo di proteine all’interno dell’endosperma - il tessuto vegetale che circonda l'embrione all'interno del seme, contenente amido, oli e proteine. In particolare, sottolineano che una proteina fondamentale presente nei chicchi di mais, chiamata zeina, risulta priva di lisina, un amminoacido essenziale e componente elementare delle proteine.

    A causa di questa carenza, il mais che viene prodotto oggi contiene livelli di lisina troppo bassi per soddisfare le esigenze della popolazione mondiale in rapida crescita. Per questo motivo, genetisti molecolari e coltivatori di mais stanno cercando di ridurre drasticamente i livelli di zeina, in modo da migliorare la qualità dei nutrienti del mais.

    Nel corso dell’indagine, gli studiosi hanno scoperto che l'amido e le proteine sono sintetizzati simultaneamente nell'endosperma. Inoltre, hanno identificato due fattori di trascrizione che giocano un ruolo fondamentale nella regolazione della sintesi dell’amido e delle proteine. La scoperta, spiegano, potrebbe consentire di migliorare l'equilibrio, a livello molecolare, tra la qualità dei nutrienti e la resa del mais. “Abbiamo individuato un nuovo approccio – dichiara Zhiyong Zhang, che ha diretto lo studio - che permetterà di scoprire nuovi regolatori nella sintesi dell’amido e delle proteine, che determinano la resa e la qualità del cereale”.

    Foto: © seeyou_c. steps - Fotolia

    red. 28-05-2019 Tag: maisricerca geneticaresaqualitàagricoltura
Articoli correlati
  • Agea, Andrea Comacchio è il nuovo direttore

    L’Agea, l’Agenzia per le Erogazioni in agricoltura, ha un nuovo direttore. Il ministro delle Politiche agricole alimentari, forestali e del turismo Gian Marco Centinaio ha nominato Andrea Comacchio al vertice dell’organismo. Il suo mandato...

    16-08-2019
  • Agricoltura, nel 2018 produzione in ripresa. Italia leader in Europa

    I dati Istat appena resi noti relativi all’andamento del settore agricolo e dell’industria alimentare nel 2018 confermano diverse tendenze in atto già da tempo e ne evidenziano alcune nuove. Dopo i dati negativi del 2017, l’agricoltura...

    05-08-2019
  • Fao, ancora lontani gli Obiettivi di sviluppo sostenibile in agricoltura

    La maggior parte degli Obiettivi di Sviluppo sostenibile che riguardano agricoltura, lotta alla fame e sicurezza alimentare sono ancora un traguardo irraggiungibile. Non centrare questi obiettivi mette a rischio l’attuazione dell’intera Agenda per lo...

    01-08-2019
  • Produzione cereali, Usda prevede un aumento del loro utilizzo nel 2019/2020

    Per il 2019/2020 il Dipartimento di Agricoltura degli Stati Uniti ha previsto un aumento dell’utilizzo delle materie prime agricole a 376,9 milioni di tonnellate. Nel suo ultimo report l’amministrazione ha fatto il punto dell’utilizzo, del...

    30-07-2019
  • Rete Qualità Mais: micotossine in mais nella campagna 2018

    Il mais è una coltura chiave per il sistema agroalimentare italiano; è elemento portante per l’alimentazione del patrimonio zootecnico, essenziale per quasi tutte le produzioni DOP, simboli del made in Italy alimentare nel mondo. Nonostante...

    26-07-2019