• Usa: maltempo ritarda semina di mais, soia e altri cereali

    Print
    Agricoltura  trattore  campo %c2%a9 chukov   fotolia.com

    A causa delle cattive condizioni meteorologiche, negli Stati Uniti la semina del mais, della soia e di altri cereali utilizzati nella produzione dei mangimi presenta un significativo ritardo. Lo rivela il rapporto “Crop Progress” pubblicato dal Dipartimento dell'Agricoltura degli Stati Uniti (Usda), che ha deciso di stanziare delle sovvenzioni a favore dei produttori agricoli danneggiati dal maltempo, per evitare che decidano di piantare colture alternative rispetto a quelle preventivate.

    Mais – Finora solo il 58% del mais è stato piantato, mentre negli anni precedenti la percentuale raggiungeva circa il 90% in questo periodo. Inoltre, per il momento è germogliato soltanto il 32% delle piantine, mentre la media stagionale si aggira intorno al 69%.

    Soia – Anche la semina della soia presenta un ritardo: in media è stato piantato circa il 66% del raccolto, mentre lo scorso anno la percentuale era pari al 74%. Soltanto l'11% delle piantine è germogliato, un valore più basso rispetto alla media stagionale di circa il 35% e, soprattutto, a quello del 44% registrato lo scorso anno.

    Grano – La semina del grano invernale è terminata, ma lo sviluppo del cereale va un po’ a rilento: è cresciuto circa il 66% delle piante, una percentuale inferiore rispetto al 71% dell'anno scorso e al 76% della media stagionale. Tuttavia, l’Usda precisa che la qualità del raccolto mostra un miglioramento rispetto all'anno precedente: nel 2019 il 61% della coltura è stato valutato come “buono o eccellente”, mentre nello stesso periodo del 2018 soltanto il 38% del grano invernale aveva ottenuto questo giudizio.

    Avena – Finora è stato piantato circa l'85% dell’avena, mentre l'anno scorso circa il 93%. Inoltre, è germogliato soltanto il 65% delle piantine, mentre nell’ultima settimana del maggio 2018 la percentuale raggiungeva circa l'80% e la media stagionale raggiunge l'86%.

    Sorgo – Anche nel caso del sorgo, la semina è in ritardo rispetto all’anno scorso, quand’era stato piantato il 48% del raccolto: nel 2019 la percentuale si ferma a circa il 28%.

    Orzo – La semina dell’orzo è leggermente indietro rispetto agli anni precedenti: è stato piantato circa l'87% della coltura, rispetto al 91% dell'anno scorso. È germogliato, inoltre, soltanto il 54% delle piantine, mentre lo scorso anno la percentuale era pari al 65% e la media stagionale si attesta intorno al 74%.

    Foto: © chukov - Fotolia

    redazione 06-06-2019 Tag: cerealiUsaseminamangimimaissoia
Articoli correlati
  • Paraffine negli alimenti, Efsa sollecita l’invio di commenti al suo parere scientifico

    Fino al 17 settembre sarà possibile inviare dei commenti all’Efsa sul suo parere scientifico relativo ai rischi per la salute di uomo e animali per la presenza di paraffine in alimenti e mangimi. L’Autorità europea per la Sicurezza...

    08-08-2019
  • Commodity alimentari, a luglio prezzi in leggero calo

    Stabile la carne, in netto calo cereali e prodotti lattiero-caseari. La Fao ha rilevato una riduzione dei prezzi delle principali commodity alimentari include nell’Indice Fao dei Prezzi Alimentari. A luglio il valore è stato di 170,9 punti, con una...

    04-08-2019
  • Produzione cereali, Usda prevede un aumento del loro utilizzo nel 2019/2020

    Per il 2019/2020 il Dipartimento di Agricoltura degli Stati Uniti ha previsto un aumento dell’utilizzo delle materie prime agricole a 376,9 milioni di tonnellate. Nel suo ultimo report l’amministrazione ha fatto il punto dell’utilizzo, del...

    30-07-2019
  • Come gestire una stalla da 20.000 Kg?

    Quando pensiamo al futuro della zootecnia da latte, immaginiamo stalle con performance medie per vacca ben lontane da quelle, pur ragguardevoli, ottenute attualmente. La media delle venti stalle più produttive d’Italia del 2018 è stata di...

    29-07-2019
  • Fefac sostiene l’impegno della Commissione Ue sulla deforestazione

    I produttori mangimi, cereali e semi, alimenti proteici e oli vegetali in difesa delle foreste. Fefac, la Federazione europea dei Produttori di mangimi, Coceral, l’Associazione europea dei Produttori di cereali, riso, semi oleosi, olio d’oliva e oli,...

    29-07-2019