Victam
  • Mais, soia e orzo Ecco le Tendenze

    Print
    Cereali

    Nel 2012 la flessione dei primi tre trimestri della produzione mondiali di mais è pari al 5,2% su base annua. In particolare sul calo delle rese ha pesato la più grave siccità degli ultimi 50 anni negli Stati Uniti, dove è stata registrata una contrazione del 13,3%. Balzo in avanti per il Brasile, che in un anno è passato da 57 a circa 73 milioni di tonnellate di mais prodotte, con una progressione del 26,5%. Flessione diffusa anche per la produzione di orzo, eccetto che in Argentina, Canada ed Europa (Ue-27). In controtendenza la soia, che a fine anno dovrebbe chiudere con una progressione vicina all'11% grazie alla crescita di Brasile e Argentina. Sono i dati parziali, aggiornati alla fine di ottobre 2012, raccolti da Ismea nel bollettino trimestrale di “Analisi e previsioni per i settori agroalimentari”, che fa luce anche sulle performance negative dei raccolti delle tre materie prime in Italia: una contrazione del 13% per quanto riguarda il mais da attribuire non alla leggera flessione degli investimenti, ma alla netta contrazione delle rese per ettaro; stessa riduzione colpisce la soia (-13%) che sconta anche una contrazione (-19%) delle superfici coltivate, a cui si aggiunge un ulteriore riscaldamento dei prezzi che a settembre sono saliti di 30 euro a tonnellata rispetto a luglio, portandosi a quota 525 euro/t, prima di far registrare una lieve inversione di tendenza nelle prime due settimane di ottobre.  

     

    Focus sui prezzi  - In linea con l’andamento del prezzo mondiale del mais e della soia anche quelli nazionali hanno mostrato nel terzo trimestre 2012 una significativa rivalutazione sia su base congiunturale che rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Stessa dinamica si è registrata per l’orzo, seppur a tassi di crescita più contenuti. I dati di Ismea dicono che il valore medio nazionale del mais nel terzo trimestre dell’anno si è attestato a 254,59 euro/t, ovvero il 24% in più del prezzo medio del trimestre precedente. Dal confronto su base tendenziale, si evidenzia una progressione più contenuta (+8%): nel III trimestre 2011, infatti, il prezzo medio era pari a 234,76 euro/t. Nel caso dell’orzo, il prezzo medio si è attestato, nel trimestre in esame, a 219,82 euro/t, in aumento di circa il 5% circa su base congiunturale e del 2% su base tendenziale. Una marcata rivalutazione trimestrale si è registrata per la soia, che ha raggiunto il prezzo medio del trimestre in esame pari a 515,00 €/t (+16%), e per le farine di soia, che si sono attestati su valori pari a 527,36 €/t (+25%).    

     

    Gli scambi -  Nel confronto tra i primi sei mesi del 2012 con lo stesso periodo 2011 i dati Ismea mettono in luce il calo complessivo delle spedizioni sul mercato nazionale (-33%) da attribuire a tutti i principali paesi fornitori, con particolare riferimento a Ungheria e Francia. Fanno eccezione solo Russia e Bulgaria. Anche la contrazione tendenziale registrata per l’import di granella di orzo (-38%) è da attribuire ai principali fornitori. Riguardo al seme di soia, le maggiori richieste nazionali di prodotto estero sono state soddisfatte in gran parte dai primi due paesi fornitori, Ucraina e Slovenia, che hanno coperto il 75% circa dell’import complessivo.  Quanto alle  farine di soia, il calo delle importazioni è da attribuire all’Argentina dalla quale sono stati acquistati volumi pari a 650 mila tonnellate, che hanno soddisfatto una quota pari al 60% della domanda nazionale, contro il 75% del primo semestre dello scorso anno.    

     

    Indice fiducia in aumento - L’indice del clima di fiducia dell’industria mangimistica ha evidenziato nel III trimestre 2012 un miglioramento, passando da - 1,6 del II trimestre 2011 a +4,9 nel periodo in esame. L’indice del clima di fiducia è il frutto di un’indagine Ismea sulla congiuntura dell’industria alimentare italiana condotta presso gli operatori del settore con cadenza trimestrale e finalizzata a raccogliere informazioni qualitative sulla tendenza della domanda e sulla congiuntura del mercato. Il maggiore ottimismo è da attribuire alle prospettive di un miglioramento delle attese di produzione. 

    co.col. 04-02-2013 Tag: maisorzomaterie primemercatoprezziIsmea
Articoli correlati
  • Materie prime alimentari, prezzi in crescita a febbraio

    A febbraio i prezzi delle commodities alimentari sono aumentati dell’1,7% rispetto al mese precedente, grazie soprattutto all’incremento dei prodotti lattiero-caseari. Lo sottolinea l’Organizzazione per l'alimentazione e l'agricoltura delle...

    12-03-2019
  • Micotossine: nemiche invisibili nella filiera dei cereali a paglia

    La salubrità delle produzioni agro-alimentari può essere compromessa dalla presenza di contaminanti antropici come metalli pesanti, fitofarmaci, residui di imballaggi o prodotti indesiderati formatisi nella fase di trasformazione. Ma è...

    10-03-2019
  • Frumento, costi di produzione e ricavi in chiaroscuro

    L'analisi dei costi di produzione e dei ricavi delle aziende agricole che coltivano frumento duro e tenero evidenzia una redditività eterogenea a livello territoriale e che, a causa dei fattori climatici e di tecniche colturali non sempre adeguate, varia...

    09-03-2019
  • Usa, incertezza tariffe materie prime indebolisce fiducia agricoltori

    Negli Stati Uniti l'incertezza sulle tariffe delle materie prime sta minando la fiducia degli agricoltori. Lo suggerisce il rapporto “Ag Economy Barometer” pubblicato dai ricercatori della Purdue University di West Lafayette (Usa), diretti da James...

    07-03-2019
  • Colza, produzione in calo nell’UE

    Nella stagione 2019/20 la produzione di colza in Francia, Germania, Polonia e Regno Unito - i principali produttori dell'UE - dovrebbe diminuire, aumentando la necessità d’importare i semi della pianta dai paesi del Mar Nero. Lo sostiene Peter...

    06-03-2019